Alexis Sánchez e l’ipocrisia dei cacciatori di streghe

Sembra il titolo di un film fantasy, probabilmente ispirato da un libro di J.K. Rowling, e invece sarà un poco velato j’accusea tanti tifosi dell’Arsenal, la cui memoria corta e selettiva tracima verso l’ipocrisia, appunto. Non si tratta di una difesa d’ufficio né della volontà di andare per forza controcorrente, però la maniera in cui la maggioranza dei tifosi ha deciso di voltare le spalle … Continua a leggere Alexis Sánchez e l’ipocrisia dei cacciatori di streghe

Alla scoperta di Sven Mislintat e del nuovo Arsenal

Quanto sono lontani i tempi in cui un giovanissimo e sconosciuto Patrick Vieira ha cambiato per sempre la figura del centrocampista in Inghilterra! Quanto sono lontani i tempi in cui Thierry Henry, un’ala veloce ma sprecona, è diventata il miglior centravanti della storia della Premier League! Quanto sono lontani i tempi in cui sconosciuti da mezzo mondo arrivavano all’Arsenal e venivano trasformati in campioni! Oggi, … Continua a leggere Alla scoperta di Sven Mislintat e del nuovo Arsenal

Gracias, Santiago

Chiunque abbia visto le foto del tallone d’Achille di Santi Cazorla si sarà chiesto come faccia l’asturiano a sorridere ancora. Otto operazioni, un’infezione che ha quasi portato all’amputazione del piede, quattro anni senza giocare con regolarità e oltre un anno senza mettere piede in campo – il tutto per un banalissimo colpo ricevuto durante un’amichevole tra Spagna e Cile. Come ha detto Arsène Wenger, dietro … Continua a leggere Gracias, Santiago

Bentornato, Hector!

Sembrava essersi perso tra un rinnovo pluriennale, qualche infortunio di troppo, un cambio di formazione che ha favorito l’ascesa di Alex Oxlade-Chamberlain e l’interesse del Barcellona – con conseguente richiesta di trasferimento. Dopo Fàbregas, ecco un altro catalano che pareva non resistere al richiamo di casa, di quel DNA Barcellona sul quale ricamarono all’epoca Xavi, Piqué, Puyol e tanti altri. Stavolta però è arrivato il … Continua a leggere Bentornato, Hector!

A chi giova questa difesa a tre?

Middlesbrough-Arsenal, 17 Aprile 2017. Reduci dall’imperdonabile disfatta per tre a zero a casa del Crystal Palace, Arsène Wenger e i suoi uomini arrivano al Riverside Stadium con il morale a terra e le spalle al muro – serve una vittoria a tutti i costi e serve anche una scossa all’ambiente, depresso e arrabbiato. Quando la formazione ufficiale viene annunciata, è stupore: l’immutabile, immarcescibile, testardo Arsène … Continua a leggere A chi giova questa difesa a tre?

Perché il matrimonio tra Mesut Özil e l’Arsenal non funziona?

A memoria, Mesut Özil è il giocatore che ha creato maggiori divisioni tra i tifosi dell’Arsenal. Forse solo Dennis Bergkamp e Thierry Henry, seppure per un periodo di tempo molto più breve, sono stati al centro di dibattiti altrettanto intensi circa le loro abilità e prestazioni. Il genio olandese ci ha messo quasi una stagione intera per zittire la stampa, il centravanti francese qualche mese … Continua a leggere Perché il matrimonio tra Mesut Özil e l’Arsenal non funziona?

La rivoluzione rinnegata

“Arsène, che ci fai ancora qui?” è il titolo dell’ultimo post che avete letto su questo blog, scritto nell’immediato dopo-partita della sciagurata sconfitta per 3-0 rimediata a Selhurst Park, contro il Crystal Palace. Quella sconfitta e la maniera in cui era arrivata parevano aver sancito la fine del rapporto tra Arsène Wenger e l’Arsenal: la squadra era sembrata disunita e svogliata, l’idea tattica ancor più … Continua a leggere La rivoluzione rinnegata

Arsène, che fai ancora qui?

In tutta onestà, ero certo che ieri avrei scritto dello storico momento in cui Arsène Wenger si è dimesso da manager dell’Arsenal o è stato sollevato dall’incarico. La sconfitta rimediata contro il Crystal Palace, la maniera in cui è arrivata, i cori contro manager e giocatori durante e dopo la partita e il cammino verso il quarto posto diventato virtualmente impraticabile mi hanno fatto credere … Continua a leggere Arsène, che fai ancora qui?

Il 4° posto è quasi un miraggio, chi si ferma è perduto

Dieci partite da giocare, trenta punti in palio per sperare di agganciare il treno che porta alla Champions League. Dopo anni di sbeffeggiamenti e prese per i fondelli per il celeberrimo “4th Place Trophy”, improvvisamente finire fuori dall’Europa che conta sarebbe un problema, un fallimento. Arsène Wenger si è preso tutti i nomi possibili quando ha comparato la qualificazione alla Champions League come “un trofeo”, … Continua a leggere Il 4° posto è quasi un miraggio, chi si ferma è perduto

SOS, Arsenal alla deriva

Come anticipato qualche mese fa, Arsène Wenger ha rinnovato il contratto che lo lega all’Arsenal e continuerà a guidare il Club fino alla fine della stagione 2018/2019. Hurrah. L’alsaziano ha deciso di autografare l’accordo propostogli da una dirigenza sempre più inetta e ingiustificabile, incapace in primis di prendere una decisione chiara e ora timorosa di annunciare pubblicamente la propria scelta – sintomo dell’imbarazzo di Stan … Continua a leggere SOS, Arsenal alla deriva