La squadra mercato dell’Arsenal, dopo aver condotto una campagna trasferimenti in entrata vicina all’ impeccabile, ha dovuto per forza di cosa bilanciare i conti e aprire i cancelli di London Colney e lasciare andare chi non è stato ritenutoall’ altezza di far parte della rosa per la stagione corrente.
I media hanno stimato che il lavoro di Sanllehi, Edu e Fahmy abbia fatto abbassare il monte salari dell’ Arsenal di oltre 40m di sterline.
Gli addii di Welbeck [6.5m], Jenkinson [2.3m], Lichtsteiner [3.9m], Iwobi [2.6m], Koscielny [4.7m], Cech [5.7], Mkhitaryan [9.3] e Ramsey [6.2] hanno permesso al club di poter battere la concorrenza e firmare David Luiz, Ceballos, Tierney e Nicolas Pépé.
Altri giocatori hanno però lasciato il club solo temporaneamente. Sarà interessante seguirli nel loro processo di crescita lontano dalla società Gunners, con la speranza che possano ritornare alla base ed avere successo:

William Saliba – in prestito al Saint-Étienne: come d’accordo, l’ Arsenal ha lasciato che Saliba trascorra la stagione corrente nel suo club natàle per proseguire il processo di crescita iniziato l’anno scorso. Ad inizioagosto si è sottoposto ad una operazione all’ adduttore che lo terrà fuori per un altro paio di settimane.
Mohamed Elneny – in prestito al Beşiktaş: negli ultimi giorni di mercato il centrocampista egiziano ha trovato l’accordo col club turco. Ha scelto la maglia numero 15. La sua presenza dovrebbe riequilibrare il centrocampo di Avci, parso abbastanza in difficoltà nelle prime tre uscite stagionali. Sarà avversario dei Wolves in EL.
Henrikh Mkhitaryan in prestitoalla Roma: la cessionedell’ armeno ha sorpreso un po’ tutti per modalità e tempistiche. Nel nuovo schieramento di Fonseca dovrebbe avere un ruolo centrale, ben differente da ciò che ha avuto all’ Arsenal con Unai Emery. Il raggiungimento di quota 25 caps gli garantirà il trasferimento definitivo nella capitale italiana.
Eddie Nketiah – in prestito al Leeds United: l’ impatto di Nketiah (tre reti in appena 223 minuti) con i Whites è stato devastante. Nei pochissimi minuti giocati coi nuovi compagni ha già fatto capire di che pasta è fatto, mettendo una pressione non indifferente al ben più quotato Patrick Bamford, acquisto record dalla società fortemente voluto da Marcelo Bielsa.
Dejan Iliev – in prestito all’ SKF Sered: la scelta di mandare a giocare Iliev è stata saggia da parte di Per Mertesacker. Il ragazzo, che per anni ha difeso i pali delle selezioni giovanili biancorosse, aveva bisogno di assaggiare il vero calcio e prendersi qualche responsabilità. L’esperienza nella sua terra natìa, la Macedonia, gli servirà per mettersi in mostra e trovare qualche acquirente pronto a scommettere su di lui. C’è infatti la sensazione che tra i pali dell’ Arsenal avranno concrete chances Matt Macey, Arthur Okonkwo e Karl Hein.

Jordy Osei-Tutu in prestitoal Bochum: come per Smith-Rowe e Nelson, l’ Arsenalha mandato un altro giovane a farsi le ossa in Germania. Purtroppo le buone prestazioni ed il recente goal segnato non hanno avuto la stessa risonanzia mediatica del brutto episodio di razzismo in cui Jordy è stato coinvolto durante il ritiro estivo.
Daniel Ballard in prestitoallo Swindon Town: il sogno di Daniel Ballard è stato di nuovo rovinato dai problemi fisici. Titolare nello Swindon e ad un passo dal debutto con l’ Irlanda del Nord, Daniel ha dovutoarrendersi al problemaad un ginocchio che lo ha spedito drittosotto i ferri.
Ben Sheaf – in prestito al Doncaster: sono bastate quattro partite a Ben Sheaf per prendersi in mano le rendini dei Dons e diventarne il leader tecnico. E’ il sogno di ogni allenatore quello di avere un centrocampista duttile, forte tecnicamente, tenace, con spiccata visione di gioco e senso della posizione. Se anche non dovesse avere futuro all’ Arsenal.
Nelle prossime settimane continueremo a osservarli attentamente, tenendovi aggiornati costantemente ad ogni pausa per le nazionali, così da colmare l’ assenza del nostro amato Arsenal.
COYG

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...