Buone Notizie!

Sono state giornate movimentate, ancora una volta, in casa Arsenal.
Dopo le proteste di oltre duemila tifosi contro la famiglia Kroenke e la KSE e la successiva sconfitta interna contro l’Everton che ha messo fine alle nostre ambizioni in Premier League, il sempre diversamente logico mondo dell’Arsenal è stato scosso da due notizie – per una volta positive.

Mister Spotify alla riscossa!

Secondo alcuni media britannici, il fondatore di Spotify sarebbe seriamente interessato all’acquisto del Club e avrebbe convinto niente di meno che Dennis Bergkamp, Thierry Henry e Patrick Vieira ad unirsi a lui in una cordata per rilevare il Club dalla Kroenke Sports Entertainment.

Una trovata pubblicitaria secondo alcuni, un interesse reale secondo altri ma resta il fatto che la famiglia Kroenke non sembra interessata a vendere se non davanti ad un’offerta “astronomica”, come l’ha definita David Ornstein su The Athletic.

La cautela è d’obbligo in questi casi, per svariate ragioni: Daniel Ek, questo il nome dell’imprenditore, è svedese e ha sempre dimostrato di avere un certo fiuto per gli affari ma resta una vera incognita, con un patrimonio nemmeno lontanamente comparabile a quello della famiglia Kroenke, di Abramovich o di Mansour.

Con i suoi “soli” quattro miliardi di dollari, lo svedese è solo un piccolo pesciolino nell’oceano finanziario della Premier League e non offre nessuna garanzia circa la conoscenza della materia calcio e le capacità di mettere le persone giuste al posto giusto, data la sua tradizione accentratrice in ognuna delle avventure imprenditoriali nelle quali si è lanciato.

Dalla sua, Daniel Ek ha l’amore dichiarato e quasi ossessivo per l’Arsenal e avrebbe l’appoggio di tre uomini che qualcosina del Club conoscono e che quindi potrebbero guidarlo: sarebbe abbastanza? Non sono sicuro.

Un potenziale passaggio di mano della società verso la cordata guidata da Mister Spotify sarebbe quindi un bel salto nel buio ma potrebbe riverlarsi una bella sorpresa: la débâcle della European Super League ha spinto la KSE lontanissima dai tifosi, ormai in aperta rottura con la proprietà, e ha dimostrato inequivocabilmente che gli americani non hanno alcun interesse verso la crescita sportiva del Club, limitandosi a quella economica, sull’altare della quale sono pronti a sacrificare tutto e tutti.

La storia ci ha già dimostrato che la KSE non è disposta a versare nemmeno un centesimo per migliorare la squadra e il recente passato ci ha mostrato che, quando si tratta di scegliere le persone da mettere nei posti chiave del Club, la famiglia Kroenke ha un pessimo gusto: Ivan Gazidis ha fatto più danni della grandine, Raúl Sanllehí ha fatto scappare Sven Mislintat e Unai Emery, il risultato di questo triste esperimento, è stato ampiamente aiutato a fallire miseramente nella sua missione, già di per sé impossibile, di assicurare una transizione dolce ed efficace per il dopo-Wenger.

Alla luce di tutto ciò, cos’abbiamo da perdere passando da una proprietà distante e oggettivamente incapace alla cordata di Mister Spotify?

Flo & i suoi amici

Sembrava impossibile, eppure Edu e Mikel Arteta sono riusciti a convincere Folarin Balogun a rinnovare il proprio contratto. Il promettente attaccante inglese, a lungo indeciso sul da farsi, sembrava intenzionato a cercare fortuna altrove ma ha deciso di firmare un contratto che lo legherà all’Arsenal fino a giugno 2025.

Una buona notizia, con il centravanti che va a rimpinguare una bella lista di giocatori giovani e promettenti che hanno deciso di legarsi all’Arsenal: Bukayo Saka, Gabriel Martinelli, Kieran Tierney e Gabriel – ai quali dovrebbe aggiungersi a breve anche Emile Smith Rowe.

Il futuro, insomma, sembra roseo a patto di trarre il meglio da ognuno di loro, giocatori dalle qualità evidenti ma comunque acerbi e bisognosi di essere guidati verso la tappa successiva della propria crescita, ovvero la consacrazione.

Se Mikel Arteta riuscirà a trovare la formula magica, avremo la possibilità di concentrare i nostri sforzi (economici) di mercato in aree e ruoli ben precisi, risparmiando così un bel po’ di soldi: l’esplosione di Bukayo Saka e Emile Smith Rowe ci ha già permesso di evitare altri investimenti pesanti “alla Pépé”, Folarin Balogun e Gabriel Martinelli potrebbero risparmiarci un altro Alexandre Lacazette e permetterci così di spendere tanto (e bene, se possibile) per affiancare un gran centrocampista a Thomas Partey e trovare un ottimo terzino destro.


L’orizzonte, per l’Arsenal, è il 2023, quando i contratti di questi giocatori arriveranno vicini alla scadenza e dovranno decidere se restare o andarsene: se il manager e il Club saranno stati bravi nei loro ruoli, a quel punto l’Arsenal sarà un Club competitivo e la loro permanenza sarà l’opzione più probabile. Se invece, al contrario, saremo ancora impantanati nell’anonimato dell’Europa League e la parte medio-alta della classifica di Premier League, ognuno di loro cercherà gloria altrove, lasciandoci con il rimpianto e il senso di colpa di aver sprecato una generazione intera di grandi talenti, cresciuti in casa e costretti a cercare il successo con un’altra maglia addosso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...