Il Giorno della Marmotta

Nuova stagione, vecchie sensazioni.
La sconfitta al Brentford Community Stadium riporta a galla i soliti problemi, che ormai sembrano esser diventati cronici.

Zero incisività, zero comunicazione tra i reparti, zero coraggio.

Emile Smith Rowe è l’unico a provare ad accendere la luce (come la stagione scorsa); Kieran Tierney sfonda regolarmente a sinistra per crossare dove però non c’è nessuno (come la scorsa stagione); Nicolas Pépé rallenta l’azione cercando il dribbling di troppo (come la scorsa stagione) e il centrocampo è incapace d’imbeccare le rare corse in profondità degli attaccanti (come la scorsa stagione).

Mi sento come Phil Connors a Punxsutawney, intrappolato in un circolo temporale che mi porta a vedere le stesse cose, scrivere le stesse cose, lamentarmi per le stesse ragioni.
Questo pezzo potrebbe essere stato scritto in un qualsiasi momento della seconda metà della stagione 2020/21 ed essere ancora d’attualità, a conferma degli scarsi progressi che abbiamo fatto in oltre sei mesi.

Quella che doveva essere l’estate del rinnovamento, dell’impronta definitiva di Mikel Arteta sulla squadra e sulla sua fisionomia, del credo autentico dello spagnolo dopo un primo periodo di adattamento e dello smarcamento rispetto alla gestione di Raúl Sanllehí.
Il mercato non è ancora finito ma fatico a credere che da qui alla chiusura questa squadra sarà completamente rivoluzionata e avrà una faccia completamente differente rispetto alla scorsa stagione o a ieri sera.

Finora abbiamo investito oltre cento milioni per cambiare pochissimo alla squadra titolare che ha finito all’ottavo posto, è realistico aspettarsi che nelle prossime due settimane arriveranno un terzino destro e un centrocampista centrale titolari?

È realistico credere che acquisteremo anche un portiere di riserva e un centrocampista offensivo che porti maggior tasso tecnico e creatività, in modo da non lasciare solo il povero Emile Smith Rowe?

È realistico credere che nei prossimi quindici giorni troveremo un’identità di squadra e uno stile di gioco, dopo aver assistito a troppe prestazioni insipide – ultima quella di ieri sera?

È il Giorno della Marmotta, signore e signori, e rischia di esserlo per un bel po’ di tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...