Sotto Questo Sole

Qualcosa sta succedendo, a Dubai. Qualcosa di molto intrigante.
Per scelta o per obbligo, Mikel Arteta si trova con due soli attaccanti a disposizione.

La partenza di Pierre-Emerick Aubameyang per Barcellona, ufficializzata martedì scorso, non è stata controbilanciata da un nuovo arrivo, quindi il manager spagnolo ora si trova con i soli Eddie Nketiah e Alexandre Lacazette come centravanti.

Oppure no?

Alcuni dei video pubblicati dal sito ufficiale lasciano intravedere cose molto più importanti delle partitelle, dei giochini di fine allenamento, eccetera: in un video in particolare si può infatti notare che Gabriel Martinelli viene schierato in posizione molto più accentrata e lo si vede distintamente attaccare il centro dell’area di rigore e precisamente il primo palo – zona ahimé sconosciuta al nostro caro Alexandre Lacazette.

Il brasiliano, che da un paio di mesi è una presenza fissa tra i titolari ed è una delle sorprese della stagione, è stato schierato come esterno di sinistra, zona dalla quale può far partire i suoi inserimenti irresistibili, con o senza palla.
Quando Alexandre Lacazette è in giornata, la sua bravura nell’abbassarsi sul centrocampo attirando con sé uno dei centrali di difesa avversari crea delle voragini nelle quali il brasiliano e Bukayo Saka possono inserirsi, come abbiamo potuto ammirare ad esempio contro il Leeds.

Quando il giochino non funziona, però, la nostra manovra finisce per diventare troppo prevedibile e i nostri due attaccanti migliori restano troppo distanti dall’area di rigore e troppo defilati per poter creare veri pericoli per la difesa avversaria, come successo ad esempio contro il Burnley.

In occasione della sfida interna contro la squadra di Dyche, infatti, abbiamo dovuto ripiegare sui cross dal fondo per provare a piegare la resistenza degli ospiti, strategia disperata quando il tuo centravanti e Alexandre Lacazette, il cui gioco aereo è virtualmente nullo.

In Gabriel Martinelli, Mikel Arteta ha un giocatore capace di attaccare la profondità e di farsi valere sui palloni aerei, non fosse altro che per la sua fame atavica. Per chi lo ricorda, i primi gol ufficiali del brasiliano erano arrivati proprio con colpi di testa precisi e potenti, arrivati su cross effettuati da Kieran Tierney e Calum Chambers.
Il brasiliano non è uno specialista (anzi…) ma offre certamente più garanzie di Alexandre Lacazette, oltre a poter attaccare la profondità molto meglio del francese.

Se il piano, che sia quello principale o quello di riserva, è fare di Gabriel Martinelli l’attaccante di riferimento della squadra, allora vedremo qualche cambiamento nell’assetto tattico della squadra: il brasiliano non può fare il lavoro spalle alla porta di Alexandre Lacazette (almeno per ora) e ha bisogno quindi di un maggiore supporto da parte degli esterni e dei centrocampisti.
In questo senso, il rientro di Emile Smith Rowe potrebbe permettere a Mikel Arteta di mettere in campo la squadra con quel 4-4-2 che abbiamo visto ad inizio stagione, quando Alexandre Lacazette e Pierre-Emerick Aubameyang giocavano assieme.

Mikel Arteta potrebbe schierare la squadra con Martin Ødegaard accanto al brasiliano, in un ruolo “alla Dennis Bergkamp” per intenderci, con Bukayo Saka sulla fascia destra e Emile Smith Rowe sulla fascia sinistra. In questo modo, né Granit Xhaka, né Thomas Partey si troverebbero soli a centrocampo, mentre il norvegese farebbe la spola tra centrocampo e attacco sia in fase di possesso palla che in fase di non possesso, con Gabriel Martinelli lasciato libero di giocare più vicino all’area di rigore e attaccare lo spazio alle spalle della difesa.

Schieramento Base
In Possesso

Senza voler fare paragoni avventati e prematuri, questa squadra sarebbe parente stretta di una dei migliori Arsenal di Arsène Wenger, nel quale Thierry Henry faceva il centravanti pur giocando prevalentemente defilato a sinistra e Dennis Bergkamp cuciva i reparti tra loro, come solo lui sapeva fare.

Se sarà così, la seconda parte di stagione rischia di essere molto divertente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...